(€) EUR (Default)
  • (£) GBP
  • ($) USD
  • ($) AUD
  • ($) CAD
Peptide intestinale vasoattivo

Peptide intestinale vasoattivo

15.99

Availability: In stock

Descrizione

Flaconcino di peptide vasoattivo intestinale da 2 mg

Che cos’è esattamente il peptide intestinale vasoattivo?

Vip è stato trovato utile in una varietà di condizioni legate all’infiammazione tra cui malattie intestinali neurodegenerative, fibrotiche, infiammatorie e fibrosi cardiaca. In diverse vie fibrotiche, il peptide è considerato estremamente efficace e potrebbe fornire benefici terapeutici per il popolare metodo di fibrosi che causa tanta morbilità e morte.

Oltre ad essere un potente agente antifibrotico, VIP è anche un potente controller della risposta immunitaria e un agente antinfiammatorio generale. Inoltre, è stato dimostrato che il peptide salvaguarda il sistema nervoso centrale dai danni ed è di interesse nel trattamento delle malattie neurodegenerative.


Per cosa è noto il VIP ?

Ventotto aminoacidi costituiscono il peptide intestinale vasoattivo. È prodotto dalle cellule del tratto digestivo ed è riconosciuto come un peptide intestinale vasoattivo (VIP). In studi sugli animali è stato dimostrato che i peptidi VIP riducono l’infiammazione. Malattie neurodegenerative, malattie infiammatorie intestinali, fibrosi polmonare e fibrosi cardiaca hanno tutti dimostrato di trarre vantaggio dal suo utilizzo negli studi sugli animali.

Oltre al suo ruolo di regolatore del sistema immunitario, gli esperti ritengono che il polipeptide intestinale vasoattivo protegga il cervello e il midollo spinale da stimoli potenzialmente dannosi. I ricercatori sono anche coinvolti nel preservare la funzione cognitiva mentre la malattia progredisce.

Gli studi suggeriscono che alcuni ormoni gastrointestinali possono agire come neurotrasmettitori all’interno del cervello degli animali, sebbene questa funzione non sia completamente compresa. Glucagone, motilina, somatostatina e neuropeptide Y sono alcuni esempi.

Una superfamiglia del glucagone, un peptide intestinale vasoattivo si trova nell’intestino, nel cervello e nel pancreas dei vertebrati. Negli studi sugli animali, è stato dimostrato che questo peptide stimola la contrattilità all’interno del cuore, aumenta la scomposizione del glicogeno, riduce la pressione sanguigna e lenisce i muscoli della cistifellea e dello stomaco.

Diversi decenni fa, gli scienziati hanno scoperto che l’ormone VIP stimola il succo pancreatico a produrre più acqua e bile, come evidenziato da studi sugli animali.

I seguenti sono esempi di effetti collaterali VIP che sono stati dimostrati in studi sugli animali:

È stato scoperto che i peptidi virali (VIP) rilassano la muscolatura liscia, aumentano la secrezione di acqua nel succo pancreatico e inibiscono la secrezione e l’assorbimento di acido gastrico negli studi sugli animali. Quindi, per quelli con colite o morbo di Crohn, gli scienziati dicono che può aiutare.

Il VIP, un peptide, colpisce profondamente il cuore e il sistema cardiovascolare. Studi sugli animali dimostrano che questa sostanza stimola la dilatazione delle arterie coronarie, che influisce positivamente sui sistemi inotropi e cronotropi del cuore.

Cervello: studi sugli animali hanno dimostrato che può limitare la secrezione di prolattina e stimolare la secrezione dell’ormone pituitario.


Vantaggi del peptide intestinale vasoattivo

Secondo i ricercatori, studi sugli animali hanno dimostrato che il peptide VIP può ridurre le citochine infiammatorie. Le proprietà antinfiammatorie del peptide sono state dimostrate anche in studi su animali sull’artrite.

Un altro studio ha scoperto che il VIP, che sopprime le risposte immunitarie TH1 mentre promuove reazioni di tipo TH2, è necessario per la tolleranza immunitaria. Attualmente, gli scienziati stanno esaminando la possibilità che il VIP possa potenziare il sistema immunitario negli animali, diminuire il TGF-b1 del macrofago, migliorare le risposte antinfiammatorie e inibire l’attivazione del TLR4.

Le malattie infiammatorie intestinali, come il morbo di Crohn e la colite, possono essere alleviate dal VIP, secondo uno studio pubblicato sul Journal of Biological Chemistry. L’interleuchina-10 del peptide che sopprime l’infiammazione può essere prodotta dai linfociti T generati dai peptidi intestinali vasoattivi. Si pensa che l’IBD sia esacerbata dall’infiammazione Th1.

Il miglioramento della funzione della barriera intestinale consente agli scienziati di individuare la causa principale dell’IBD e di ridurre di 100 la gravità nei soggetti di prova sugli animali.

Il peptide intestinale vasoattivo è un neuroprotettore.

Le azioni neurotrasmettitorie, neurotrofiche/neurogene e antinfiammatorie/neuroprotettive fanno parte dell’azione del sistema nervoso centrale del VIP. Il primo passo è mantenere in posizione le barriere interne dell’animale. È importante ricordare che il mantenimento della parete ematoencefalica controlla il modo in cui i nutrienti, le cellule immunitarie e l’ossigeno raggiungono il cervello. Ictus, SM ed encefalomielite sono solo alcuni dei problemi di salute che possono sorgere se questo sistema è compromesso.

Secondo la ricerca, l’accumulo di beta-amiloide negli animali con malattia di Alzheimer può essere controllato dall’ormone peptidico VIP. Secondo gli scienziati, ha anche effetti neuroprotettivi sul morbo di Parkinson e altre condizioni correlate.

Un numero crescente di prove suggerisce che il polipeptide intestinale sia un neuroprotettore cerebrale essenziale in grado di proteggere la materia bianca dai danni e migliorare la funzione neuronale. Inoltre, secondo studi sugli animali, VIP ha proprietà antinfiammatorie che possono aiutare con il morbo di Parkinson.

Cardiomiopatia da peptidi intestinali vasoattivi

In molti casi, la fibrosi cardiaca è una fase finale nella progressione delle malattie cardiache. Di conseguenza, sono possibili effetti collaterali disfunzioni valvolari, alterazioni del riempimento cardiaco e diminuzione della contrattilità. Un trapianto è spesso necessario per le persone con fibrosi, come nel caso delle malattie polmonari. La formazione di cicatrici è l’obiettivo principale dell’attuale ricerca cardiaca e sono stati sviluppati diversi farmaci per rallentare il processo di rimodellamento cardiaco che causa cicatrici. Sfortunatamente, sono state riportate basse percentuali di successo, con soggetti di prova sui mammiferi che mostravano fibrosi in progressione e funzione cardiaca compromessa.

Secondo una nuova ricerca, nei ratti, i peptidi VIP hanno dimostrato di rallentare e invertire le cicatrici. Una diminuzione dell’espressione del recettore di tipo 1a dell’angiotensinogeno e dell’angiotensina, che rallenta anche la modellazione cardiaca e la fibrosi, è la causa degli scienziati.

BPCO con un alto livello di personalizzazione

Esistono due modi in cui il peptide intestinale vasoattivo influisce sulla funzione polmonare. Per cominciare, comporta il rimodellamento vascolare polmonare indotto dall’infiammazione. Il peptide NFAT, che è responsabile dell’attivazione delle cellule T e dell’aumento dell’infiammazione, viene soppresso in questo processo. Controllando in primo luogo l’infiammazione polmonare, VIP aiuta a tenere a bada malattie come la BPCO. Di conseguenza, i ricercatori ritengono che il trattamento VIP possa aiutare i pazienti a evitare la necessità di un trapianto di polmone nelle fasi finali della loro malattia.

In secondo luogo, il peptide VIP rallenta la crescita delle cellule muscolari lisce, che è un effetto a lungo termine dell’infiammazione polmonare. Secondo una nuova ricerca, i peptidi VIP possono anche controllare la pressione sanguigna nelle arterie polmonari. Di conseguenza, la gittata cardiaca e la capacità di ossigeno aumentano.


Studi: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6743256/

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Peptide intestinale vasoattivo”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.